Marcatura CE per la Direttiva Macchine

APPROFONDIMENTO

In tema di sicurezza di macchinari e impianti industriali il principale – ma non unico - riferimento europeo è la Direttiva Macchine 2006/42/CE che abroga la precedente Direttiva 98/37/CE, secondo la quale il fabbricante ha l’obbligo di:
 
  • Eseguire l’analisi del rischio attraverso il processo iterativo al fine di accertarsi che i requisiti essenziali di sicurezza (RES) vengano soddisfatti
  • Costituire il fascicolo tecnico
  • Fornire informazioni chiare e complete circa l’uso in sicurezza del macchinario mediante il manuale d’uso e manutenzione
  • Espletare le appropriate procedure di valutazione della conformità ai sensi dell’Articolo 12 della Direttiva Macchine
  • Redigere la Dichiarazione CE di conformità
  • Apporre la Marcatura CE
 
Le attività richieste sono fondamentali al fine di accertare la conformità CE del macchinario ai requisiti della Direttiva Macchine e di immettere sul mercato una macchina sicura. Ne deriva, quindi, che l’analisi dei rischi è un’attività fondamentale richiesta al fabbricante per identificare i requisiti di sicurezza e di salute della macchina in ogni fase della sua esistenza, dalla progettazione allo smantellamento. La macchina deve essere progettata e costruita considerando i risultati emersi della valutazione dei rischi, come previsto dall’Allegato I della Direttiva Macchine 2006/42/CE. Il processo di valutazione dei rischi è disciplinato principalmente dalle seguenti norme (e da eventuali norme armonizzate di tipo C):
 
  • Direttiva Macchine 2006/42/CE
  • UNI EN ISO 12100 Sicurezza del macchinario - Principi generali di progettazione - Valutazione del rischio e riduzione del rischio
  • UNI ISO/TR 14121-2 Sicurezza del macchinario - Valutazione del rischio - Parte 2: Guida pratica ed esempi di metodi
 
L’analisi dei rischi è un processo iterativo, infatti il fabbricante deve:
 
  • Eliminare o ridurre i rischi nella misura del possibile
  • Adottare le misure di protezione necessarie per ridurre i rischi che non possono essere eliminati
 
I rischi che non si possono né eliminare né governare con apposite soluzioni tecniche vengono definiti “rischi residui”; il costruttore deve informare gli utilizzatori dei rischi residui, indicare se è necessaria una formazione particolare e segnalare se è necessario prevedere un dispositivo di protezione individuale.

Visita la NewsRoom di ENGAL Services dove troverai novità che riguardano le procedure di Certificazione, gli Aggiornamenti Normativi, le notizie sulle Tendenze Interpretative dei requisiti tecnici e le Problematiche riscontrate in materia di Conformità e Certificazione.


 

iscrizione-newsletter.png

 

Richiedi Informazioni


Consulta qui le condizioni per la privacy di ENGAL Services s.r.l.
Contattaci CLICCA QUI